Alla scoperta del tuo cervello…

Motivare il team in tempi di crisi: 10 suggerimenti pratici per una squadra di acciaio!

Di questi tempi una delle sfide più grandi per chi si trova a gestire persone è tenere alto il morale della “truppa” motivando le persone al superamento dei tempi duri.
E’un errore pensare che il modo di motivare collaboratori e dipendenti passi unicamente attraverso il denaro (sebbene sia, senza dubbio un elemento motivante)

Ecco 10 piccoli suggerimenti che porteranno la tua squadra a vivere in un clima disteso e a produrre al massimo:

1) Fai sentire uniche le persone.
ATTENZIONE: ho detto uniche, non speciali! Sentirsi unici passa per il riconoscimento dei propri punti distintivi, ciò che piace di più e ciò che piace meno.
Personalizza il tuo rapporto con loro, non trattare tutti allo stesso modo. Non vuol dire fare favoritismi o al contrario trattare peggio alcune persone, significa creare uno spazio unico e riservato in cui ognuno sa di essere riconosciuto per ciò che è veramente.

2) Condividi i successi (e gli insuccessi).
Una volta stabiliti gli obiettivi di lungo termine, per esempio annuali, se tutto procede secondo la tabella di marcia elogia il tuo team per l’impegno che ci sta mettendo, se invece i risultati sono inferiori alle attese informa il tuo team dello stato delle cose e delle strategie utili alla rimonta, senza recriminare.

3) Sii il faro che li guida!
Non c’è niente di più bello per una squadra che avere un modello a cui ispirarsi, una stella polare che segni la via anche in tempi di crisi. Una delle domande che ti puoi fare per avere un riferimento è: “Come mi comporterei se tutto andasse per il meglio e fossi SOLO contento delle persone che lavorano per me?” “Cosa farei, direi e penserei se non avessi nulla da obiettare?” Pensare a quello che faremmo, diremmo e penseremmo in momenti di massima abbondanza metterà in moto i meccanismi della “profezia che si autoadempie”.Questo ti aiuterà a far fronte ai momenti di scoramento e superare le difficoltà, riuscendo allo stesso tempo ad essere da modello e fonte di ispirazione per gli altri.

4) Sii cristallino, sempre.
Riconosci i tuoi errori in maniera sincera e genuina appena ti rendi conto di averli commessi, questo ti aiuterà a guadagnare in credibilità e stima e indirettamente stimolerà gli altri a fare lo stesso. Al contrario mantenere il puntiglio per il “principio di coerenza” produrrà l’effetto paradosso di esporsi maggiormente alle critiche e agli attacchi in momenti di debolezza.

5) Crea divertimento!
Organizza di frequente (2-3 volte al mese) situazioni ludiche extra-lavorative dove si possano condividere momenti belli in un clima disteso. Creando una vera e propria “galleria dei ricordi positivi” le tue persone attingeranno nei momenti di crisi ad un bel serbatoio di ricordi felici che le aiuterà a superare meglio le difficoltà.

6) Dai riconoscimenti e piccoli premi.
Riconosci ed elogia l’operato particolarmente brillante informando la squadra alle riunioni di team, organizza dei mini-contest fissando dei piccoli obiettivi, facili da raggiungere e al raggiungimento festeggia insieme al gruppo! Il premio o il riconoscimento può avere anche valore simbolico: un caffè servito alla scrivania dal capo in persona, per esempio.


7) Coinvolgi le persone.

La gente odia sentirsi dire cosa fare e cosa non fare, davanti ad un problema chiedi alla persona “Cosa faresti in una situazione del genere?” e ascolta le risposte, alcune potrebbero fornirti dei validi spunti di riflessione.

8 ) Non criticare o mortificare.
Lo stile DEMORALIZZATORE è quello in assoluto che contribuisce meno alla crescita di un gruppo. Davanti ad un errore chiedi alla persona cosa secondo lui ha sbagliato e come potrà la prossima volta fare meglio. Già Blaise Pascal nel 1.600 diceva: “Ci si convince meglio e prima con le ragioni trovate da se stessi che non dagli altri”

9) Allarga lo zoom!
Spesso non ci fermiamo a riflettere sulle conseguenze dei nostri gesti e parole che poi producono danni in termini di motivazione del team. Soffermati e lancia il tuo pensiero un attimo più in là.. Puoi chiederti “Io al posto di Roberto come reagirei a queste parole?”

10) Coltiva la fiducia.
Il modo migliore per avere intorno gente di cui fidarsi è..fidarsi! C’è un detto che dice “Non mi fido di chi non si fida” perchè è evidente come eccessiva diffidenza e circospezione possono demotivare anche il più valido dei collaboratori.

Mettere in pratica anche solo 1 o 2 di questi suggerimenti ogni giorno e coltivarli con costanza ti aiuterà in men che non si dica a costruire una squadra di persone affiatate e pronte a dare il massimo per raggiungere gli obiettivi!

One Response to “Motivare il team in tempi di crisi: 10 suggerimenti pratici per una squadra di acciaio!”

  1. Luca scrive:

    Flo, prendo spunto da ciò per i miei sales manager!! Grazie!!!

Leave a Reply

Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes